Assaggiato quasi per sbaglio, sono rimasta incantata dall’aroma e dal gusto particolare del riso venere. Ho deciso quindi di documentarmi per scoprirne la provenienza e con stupore ho scoperto che è un orgoglio 100% italiano.

Nell’antichità il riso nero veniva piantato in piccole quantità in quanto destinato solo all’imperatore cinese.
Oggi viene coltivato nella splendida Pianura Padana ed è stato uno degli alimenti presentati alla Expo di Milano.

Ma cosa rende speciale questo riso?

Innanzitutto è privo di glutine, quindi è adatto anche a chi affetto da celiachia.
Guardando la tabella nutrizionale troviamo per 100 grammi 310 kcal di cui lo 0,8% di zuccheri.
Questa quantità ridotta di saccaride lo rende perfetto per i diabetici e per chi ha problemi di digestione, in quanto si digerisce molto facilmente.

Contiene vitamine del gruppo B e C e una notevole quantità di ferro e di antiossidanti (addirittura più dei mirtilli!) che combattono l’invecchiamento cellulare.

Recenti studi hanno dimostrato inoltre il suo aiuto contro numerose malattie quali il cancro, il morbo di Alzheimer, malattie cardiache e infarto.

Contiene numerosi quantità di silicio, elemento che aiuta la ricostruzione del tessuto osseo.
Combatte il colesterolo cattivo e migliora la memoria.

Insomma… non avete scuse per non assaggiarlo

<< E quando addentate una mela, ditele nel vostro cuore: ‘I tuoi semi vivranno nel mio corpo, e i tuoi germogli futuri sbocceranno nel mio cuore, La loro fragranza sarà il mio respiro, e insieme gioiremo in tutte le stagioni >>
KHALIL GIBRAN

Share: