Perchè non andare in vacanza in Italia?


Travel / venerdì, giugno 8th, 2018

Questo è il mio primo articolo. A stento so scrivere il mio nome senza sbagliare e adesso mi metto a fare gli articoli. Alla grande.
Allora: il titolo è molto chiaro. Non sarebbe necessario scrivere altro, però devo riempire la pagina e quindi diamo fuoco alle polveri.

Sapevate che l’Italia con 53 siti, è il primo paese al mondo per Patrimoni UNESCO?


Più dei nostri “vicini” Francesi (43), Spagnoli (46) e Tedeschi (42). Eppure, sempre molti più Italiani gradiscono mete estere, vicine e non, sia per le loro vacanze invernali che per quelle estive.
Dalla riviera romagnola, alla Sardegna, passando dalle bellezze storiche di Roma e Pompei, fino al fascino moderno di Milano, senza trascurare le Cinque Terre, i borghi e le regioni del Vino; il “belpaese” può offrire spunti e suggerimenti per vacanze di breve o lunga durata.
Viaggiare in Italia, si sa, può essere pieno di insidie e stress, ma una volta approdati nel luogo scelto, vi arriva quell’imput nel cervello di non voler più andar via da lì. Sì, perché viaggiare nel nostro paese, non è solo visitare chiese, monumenti, musei o andare al mare o al lago; è anche assaggiare i prodotti locali, respirare l’aria di montagna o di mare, entrare a contatto con le personalità e le storie che risiedono qui.
Viaggiare in Italia è mangiare un arancino in Sicilia sdraiato sulle spiagge di Panarea, visitare il Colosseo a Roma e farsi la foto con il tipico “centurione”, prendere caffè e sfogliatella (rigorosamente seduti al bar) a Napoli visitando la zona di San Gregorio Armeno, fare un giro in Gondola a Venezia, o visitarla durante il Carnevale.
Insomma l’Italia è il paese che può e deve attrarre prima chi ci vive e poi chi viene da fuori.
Una piccola nota a margine: Non voglio dire che bisogna viaggiare solo in Italia; io per primo, ho viaggiato molte volte fuori dall’Italia prevalentemente per turismo, però sono dell’idea che sia importante conoscere il nostro paese e le sue mille e mille particolarità prima di vivere la cultura di altri paesi.

Per aiutarvi nella scelta, nel prossimo post vi elencherò la mia top 5 dei patrimoni dell’UNESCO che preferisco.

16 Replies to “Perchè non andare in vacanza in Italia?”

  1. Sono proprio d’accordo con te, perché spostarci all’estero quando in Italia abbiamo dei monumenti che molti stati ci invidiano

  2. Personalmente sono esterofila perché penso che avrò tempo di viaggiare in Italia quando sarò stanca di voli intercontinentali…. In realtà alterno vacanze all’ estero con brevi soggiorni nel nostro Belpaese, che di certo non si chiama così per caso.

  3. effettivamente è vero, anche io sono colpevole di preferire vacanze all’estero, quando poi ci sono tanti posti in Italia dove non sono mai stata!

  4. E’ vero, l’Italia è meravigliosa, un incanto. Ha luoghi indescrivibili per bellezza e importanza storica. Ma spesso è carissima. Talmente cara che il risparmio di un viaggio all’estero è smisurato. E altrettanto spesso, alcuni luoghi italiani rimangono un sogno per gli italiani stessi…

  5. Sono un paio d’anni che per diversi motivi non riesco a far vacanze se non in Italia… Ma devo ammettere che non mi manca nulla!

  6. L’Italia è così ricca, anzi ricchissima, di bellezze storiche, bellezze naturalistiche, paesaggi, scorci, città e borghi da scoprire 🙂 mare, montagna, gastronomia, tradizioni 🙂

  7. L’Italia è un paese meraviglioso, spesso si va lontano, ma noi non abbiamo nulla da invidiare agli altri paesi: montagne, mare, laghi … e soprattutto cucina
    Alessandra

  8. Sono pienamente d’accordo, io credo che prima di andare all’estero bisognerebbe prima fare i turisti, o meglio i viaggiatori, nel nostro meraviglioso Paese. Attendo curiosa i prossimi articoli 🙂

  9. L’Italia è piena di piccole meraviglie, vanno assolutamente approfondite! Penso che un viaggio non escluda l’altro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.