Oggi affrontiamo un tema davvero discusso: il sushi.
Io sono una grandissima consumatrice di questo alimento e del cibo orientale in generale! 
Lo considero un vizio da concedermi almeno una volta ogni due settimane! 
Ma…

Il sushi fa bene?
Posso mangiare sushi mentre sono a dieta?
Il sushi è pieno di omega-3?
Sono celiaca, posso mangiare sushi?

Sono sicura che vi sarete fatti queste domande almeno un milione di volte.
Bene, oggi vediamo di trovare delle risposte.

Innanzitutto dobbiamo fare una precisazione: la preparazione del sushi varia tantissimo da chef a chef, quindi le quantità di kcal che vi dirò sono molto relative, così come i fattori nutritivi.

Negli ultimi anni è spopolata la moda per questo magico alimento. Infatti il consumo è aumentato dell’80%.
Spinti dalle voci riguardanti le sue proprietà benefiche, le persone hanno iniziato a consumare sushi, sono nati ristoranti sempre più adatti a tutte le tasche, che permettono un pranzo in abbondanza spendendo poco più di 10 euro.
Ma tutto questo è positivo?
La risposta è no.

Innanzitutto precisiamo che quando parliamo di sushi, non parliamo di sashimi.
Il sashimi infatti (semplice pesce crudo) è un alimento molto salutare, ricco di omega 3 che aiuta il sistema cardiovascolare, ilcervello e funge da anti infiammatorio.

Se parliamo di maki e uramaki, il pesce che vi troviamo all’interno è davvero poco rispetto alle ​quantità che dovremmo assimilare, al contrario invece troviamo abbondanza di riso (quindi carboidrato complesso).
Gli esperti consigliano di assumere circa 150g di pesce.
All’interno di un california roll, ne troviamo solo 5g; questo significa che per assimilare il giusto apporto di pesce dovremmo mangiare 28 pezzi di california!

Alla luce di queste affermazioni non possiamo di certo considerare il sushi ricco di omega 3. 

Per quanto riguarda la celiachia, il riso e il pesce non sono un problema, ma dovete informarvi sull’utilizzo della salsa di soia (alimento vietato ai celiachi perchè contiene frumento). Infatti molti la inseriscono nel riso per smorzare il dolce dello zucchero.

Quindi in definitiva il sushi per i celiachi non è indicato, a meno che non siate sicuri al 100% che non utilizzino la salsa di soia.

Ora sfatiamo il mito numero uno: il sushi NON va bene per la dieta. 

Infatti l’apporto di kcal è tutt’altro che ridotto!
Un pasto di soli 5 pezzi di sushi vario contiene infatti tra le 500 e le700 kcal.
Ovviamente dobbiamo escludere a priori la tempura e i condimenti quali maionese e ketchup (molto in voga nel sushi occidentale).
Quindi in definitiva: il sushi fa bene?

La risposta è…….. NI!

Il sushi è un alimento che possiamo inserire nella nostra alimentazione, ma bisogna prendere delle accortezze.

La formula all you can eat è tutt’altro che Giapponese; infatti in oriente è rarissimo trovare ristoranti che la adottino! Molto spesso si sacrifica la qualità per la quantità; ecco la prima cosa alla quale stare super attenti!

  • Andate sempre in ristoranti che vi sono stati consigliati.
  • Evitate il fritto e condimenti particolarmente calorici.
  • Evitate i Fancy rolls, cioè sushi di vario tipo riempiti con ogni cosa.
  • Preferite salmone, tonno e orata e limitate il granchio per la quantità di sodio.
  • Non esagerate con le quantità, non state partecipando a Man Vs Food!

Infine non dimenticatevi di consumare lo zenzero! Che viene usato per “pulire” la bocca tra una portata e l’altra.
Provate ad immergerne un pezzo nella salsa di soia, vedrete che delizia!!
Se avete un po’ di manualità potete provare a fare il sushi in casa! In questo modo sarete sicuri al 100% della sua qualità!

Share: